Articolo evidenziato

TRILUSSA – La maschera

Omaggio Lei. Vent’anni fa m’ammascherai pur’io!E ancora tengo er grugno de cartoneche servì p’annisconne quello mio.Sta da vent’anni sopra un credenzonequela Maschera buffa, ch’è restatasempre co’ la medesima espressione,sempre co’ la medesima risata.Una vorta je chiesi: – E come faia conservà lo stesso bon umorepuro ne li momenti der dolore,puro quanno me trovo fra li guai?Felice te, che nun te cambi mai!Felice te, che vivi senza core! –La Maschera rispose: – E tu che piagniche ce guadagni? Gennte! Ce guadagniche la genti dirà: Povero diavolo,te compatisco… me dispiace assai…Ma, in fonno, credi, nun j’importa un cavolo!Fa’ invece come me, ch’ho … Continua a leggere TRILUSSA – La maschera

Femmina

“Te la racconto io la storia … te la racconto e starai ad ascoltarmi che tu voglia o no.Se vuoi, te la urlo oppure te la sussurro … e comunque te la racconto perché tu sappia che cosa sono, che cosa voglio, in cosa spero e cosa mi aspetto.In fondo, non sono sazia mai: sono sempre assetata di ciò che è privo di confine, e non ho tempo perché vivo nel tempo:Sono femmina perché vivo da femmina. Non vivo nella luce, ma la rifletto e mi piace, perché io sono luce. Conosco la forza delle mie radici, che crescono e … Continua a leggere Femmina