In evidenza

TRILUSSA – La maschera

Omaggio Lei.


Vent’anni fa m’ammascherai pur’io!
E ancora tengo er grugno de cartone
che servì p’annisconne quello mio.
Sta da vent’anni sopra un credenzone
quela Maschera buffa, ch’è restata
sempre co’ la medesima espressione,
sempre co’ la medesima risata.
Una vorta je chiesi: – E come fai
a conservà lo stesso bon umore
puro ne li momenti der dolore,
puro quanno me trovo fra li guai?
Felice te, che nun te cambi mai!
Felice te, che vivi senza core! –
La Maschera rispose: – E tu che piagni
che ce guadagni? Gennte! Ce guadagni
che la genti dirà: Povero diavolo,
te compatisco… me dispiace assai…
Ma, in fonno, credi, nun j’importa un cavolo!
Fa’ invece come me, ch’ho sempre riso:
e se te pija la malinconia
coprete er viso co’ la faccia mia
così la gente nun se scoccerà… –
D’allora in poi nascónno li dolori
de dietro a un’allegria de cartapista
e passo per un celebre egoista
che se ne frega de l’umanità!

Teatro del Noh – maschera – foto di Maria Cutugno
In evidenza

Amedeo Modigliani diceva: ” Il tuo unico dovere è salvare i tuoi sogni” . Dopo 100 anni dalla sua scomparsa, vale ancora sognare? Per quali sogni ? È solo una questione di retorica? Oppure si tratta di ancestrale necessità? Si sogna sempre da soli? Oppure il sogno si progetta? E tu ? Sogni ? Forse. Punto.

In evidenza

Il viaggio e il marinaio

Sono in viaggio. E’ agosto. Ho caldo, Madrid è calda in agosto. Non riesco a dormire, mi alzo e inizio a navigare con un pensiero vago.

Mi guardo intorno, la stanza di questo hotel riflette le immagini della mia mente e, ripenso al taccuino che volutamente ho lasciato sul comodino di casa.

Mi ero proposta di non scrivere. Assurdo pensiero. Perché privarsi dell’aria ? Traccio le linee della mia storia mettendomi in ascolto. Bevo un bicchiere d’acqua. Torno a letto. Comincio a farmi delle domande? Perché ho lasciato a casa il taccuino ? Perché ho portato con me solo un libro? Perché sto sognando adesso? Perché la mia meta è stata Madrid ? Perché sono qui in una terra che non è la mia ? O forse si ,è questa la mia terra, sono in cerca delle mie radici : è mia la scelta.

Nel viaggio mentale di questa sera riemerge violento un sogno passato, un viaggio già fatto nel mio luogo del possibile, in teatro : Il Marinaio di Pessoa.

Era qualche anno fa, ma è vivo come un tatuaggio impresso nella mente il ricordo di quel viaggio.

Per chi non lo abbia mai letto dirò solo che il Marinaio è un capolavoro letterario che si legge in un soffio temporale di pochi minuti. Ogni volta che lo rileggi, perché ti capita di rileggerlo, ogni volta scopri qualcosa di nuovo tra le righe di un testo breve ma prezioso.

Il Marinaio viene definita un’opera teatrale statica, ma in effetti il testo è talmente rarefatto, pregno di poesia, emozione e dramma che si potrebbe definire un sogno fatto di parole.

Tutto si svolge in una stanza con tre vegliatrici, forse sorelle, che si trovano intorno al letto di una donna morta, forse la sorella morta e che vivono solo una notte. Ma cosa sono le tre vegliatrici ? Sono forse in un sogno ? O sono loro stesse il sogno di qualcuno? Come è tipico di Pessoa,egli non lo dice, sappiamo solo che una delle tre racconta un sogno, e noi spettatori di un dramma ne viviamo il sogno come se fossimo dentro allo stesso.

Mi fermo, spengo il tablet e mi rimetto a dormire.

Nel mio viaggio onirico penso alle volte che sono stata attrice nel sogno:

che privilegio.

SORELLE – (da “Il marinaio” – mediometraggio di QUEM quintelemento e VariaMente Teatro Mailò) – foto di Claudio Rancati

il marinaio

https://www.youtube.com/watch?v=IkdFRHMK_RU

 

Da Il marinaio, di Fernando Pessoa:

“Seconda Vegliatrice: Sognavo di un marinaio che si era perduto in un’isola lontana… In quell’isola c’erano poche rigide palme e fuggevoli uccelli volavano tra di esse… Non so se a volte si posavano… Da quando, scampando a un naufragio, vi era approdato, il marinaio viveva in quel luogo… Poiché non aveva modo di tornare in patria, e soffriva troppo ogni volta che il ricordo di essa lo assaliva, si mise a sognare una patria che non aveva mai avuto, si mise a creare un’altra patria come fosse stata sua, un’altra specie di paese con altri paesaggi e altra gente e un’altra maniera di passeggiare per le strade e di affacciarsi alle finestre. Ora per ora egli costruiva in sogno questa falsa patria, e non smetteva mai di sognare, di giorno, alla breve ombra delle grandi palme che si frastagliava, orlata di punte, sulla sabbia calda; di notte, sdraiato sulla spiaggia, senza badare alle stelle. […]

Dapprima creò i paesaggi; poi le città, poi le strade e le traverse, ad una ad una, cesellandole nella materia della sua anima, ad una ad una le strade, quartiere per quartiere, fino ai muraglioni dei moli, dove creò i porti … Ad una ad una le strade e la gente che le percorreva o che guardava su di esse dalle finestre. Cominciò a conoscere certe persone, come uno che le conoscesse appena … Cominciò a conoscere le loro vite passate, e le conversazioni, come uno che sognasse paesaggi e allo stesso tempo li vedesse veramente …”Il marinaio, Fernando Pessoa – Einaudi editore

Il riposo

Ci si vergogna del riposo, il lungo meditare crea quasi rimorsi di coscienza. Si pensa con l’orologio alla mano; si vive come uno che continuamente «potrebbe farsi sfuggire» qualche cosa. «Meglio fare una qualsiasi cosa che nulla» – anche questo principio è una regola per dare il colpo di grazia a ogni educazione e ogni gusto superiore. E come tutte le forme vanno visibilmente in rovina in questa fretta di chi lavora, così come il senso stesso della forma, l’orecchio e l’occhio per la melodia, vanno in rovina.

Friedrich Nietzsche, La gaia scienza.

Tu? Si tu! Lo sai?

Tu? Si tu! Lo sai? È vero che lo sai che per lavorare qui, devi avere le palle?

E tu? Si tu! Lo sai? È vero che lo sai che non mi piace quando ti metti quel rossetto rosso per uscire con me?

In viaggio Mailò

#orabasta ! #25novembre #giornatamondialecontrolaviolenzasulledonne

Ph. Alessandra Berzoini #variamente #teatro

Madre

IMG_2919

Cosa mi ha insegnato mia madre:” a fari l’uncinettu, a fari l’orlu a gonna, a ricamare cu tilaru e, mi mandò puri tutti l’estati unna a Signura Maria chi mi putia n’zignari megghiu, a fari a torta margherita, a fari i fraviola, a fari a salsa pi buttigli, a capiri quando a pasta è cotta e pripari i mulancianenni ghini, a diri u rusario e ricurdarmi tutti stazioni da via Crucis, a fari u lettu tutti i matini, a fari u bracieri picchì non c’eranu i caluriferi, a diri sempri a virità e a non brunghiari mancu cu l’occhi, a chiuderi na porta e apriri un purticatu, a non santificari… e poi mi dissi : “Tu canta ! ” … Mia madre è morta a soli quarantaquattro anni. Ma quanti così m’inzignò mia madre..