U cunto nto’ sognu

C’era na’vota

na lingua di mari bagnata du suli.

U spicchio di terra ca sempri l’amava

nemmenu da timpesta si facia pigliari

e forti tinia na casa di petra.

‘Ntrunavanu vuci di picciriddi mani

intra a la casa d’petra fatta

e l’omu chi sti mani leggiu accarrizzava

spirava nsempri nto’ sognu mperfettu:

‘ssicutari in cielu a gaipa liggiera

e rubari a suli un pezzu di cori.

storie oblique.jpg
Pescatori – (matita su carta) di Maria Cutugno – 2012

Un pensiero riguardo “U cunto nto’ sognu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...