U cunto nto’ sognu

C’era na’vota na lingua di mari bagnata du suli. U spicchio di terra ca sempri l’amava nemmenu da timpesta si facia pigliari e forti tinia na casa di petra. ‘Ntrunavanu vuci di picciriddi mani intra a la casa d’petra fatta e l’omu chi sti mani leggiu accarrizzava spirava nsempri nto’ sognu mperfettu: ‘ssicutari in cielu a gaipa liggiera e rubari a suli un pezzu di cori. Continua a leggere U cunto nto’ sognu

Protesto !

Protesto ! Maggio del 1995: litigai furiosamente con un siffatto preside di una Scuola Media perché mi ammonì dopo aver segnalato un atto di bullismo nei confronti di un bambino dell’Ecuador. Il padre del bullo, era un italiano difatti polemico e intransigente, non sia mai creare scompiglio … Ero precaria in una Scuola Media e decisi ( forse con l’impulsiva stoltezza che mi distingue) che non sarei stata mai la pedina nelle mani di un Sistema Educativo che non mi piaceva. Lasciai così che la mia laurea finisse in un cassetto … Idealista mancata. Buon 5 maggio. Continua a leggere Protesto !

A Lei

A lei di Maria Cutugno Canterai alla luna Le tue malinconie lontane E viva arderai nel mio cuore Canterai di ardori spenti Dalla pioggia che cade copiosa E tu come lava imperiosa la trasformi in passione Canterai di quelle rose rosse Che punsero il cuore tuo fragile Tanto da provocar stupor dell’anima e dolor della mente Canterai come solitario usignolo Le note di un amore incantato e poi spento Da un’inutile astenia .. Tu canterai. Continua a leggere A Lei