Ricordo il vento

Ricordo il vento,
le nubi cariche di pioggia,

il nero delle ombre e l’anima sospesa.
Ricordo il sibilo di una voce amica,

il pugno inferto e la sfiducia raccolta 

tra uno sguardo nascosto e non svelato.
Ricordo il dono e l’ingenuo volare 

tra le pieghe sofferte di un amore macchiato e poi violato.
Ricordo e poi ti vedo,

ingenuo il tuo sentire, 

te ne stai li accoccolato, pronto a spiccare il volo tra il vento e le tue nubi 

oramai 

scariche di pioggia.

Poesia tratta dalla silloge – Storie oblique – di Maria Cutugno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...