La neutra

La maschera neutra – Il mio punto di partenza in movimento

Tecnica e Dono.

Le maschere possono essere molto diverse di forma e di spirito, ma ogni maschera teatrale valida e bella ha in comune con le altre, la capacità di ritrasmettere la profondità dell’essenza umana. Portando il testo al di sopra del quotidiano, essa filtra l’essenziale ed elimina l’aneddoto. Jacques Le Coq

La “maschera neutra” prende vita dalle mani sapienti di Donato Sartori e dal maestro Jacquec Leqoc (Parigi 1921 – 1999). A dire il vero, come racconta lo stesso Leqoc, furono Marie-Hélène e Jean Dasté che gli fecero scoprire la recitazione con le maschere e il “No giapponese”. I “Dasté” usavano nell’ ”Esodo”, una “figurazione mimata” con le maschere in cui tutti gli attori indossavano una maschera  detta “nobile”.

Nel viaggio pedagogico di Leqoc, la “Neutra” può essere considerata lo strumento essenziale dell’attore perché è la base di tutte le altre maschere e consente di indossare “il ruolo” preparandosi con consapevolezza fisica e psicologica, sviluppando la presenza scenica perché priva di quel mezzo di comunicazione che è l’espressione del volto e infine costringe a prestare attenzione al corpo e alla sua molteplice forza di comunicazione non verbale.

Essa ha il potere di mettere a nudo, perché non concede di contare sul viso, sulla parola e sul gioco psicologico dello sguardo ma richiama, come ogni maschera, i segni ancestrali che guidano al “veramente autentico”, l’originario e il primordiale retaggio.

E’ un viso in “perfetto stato di equilibrio che suggerisce una sensazione fisica di “calma”.

Lo scopo del suo utilizzo è permettere a chi la indossa di raggiungere uno stato di neutralità privo di emozioni e conflitti interiori e, prepara l’attore all’azione predisponendolo nella sua completa interezza tra corpo e mente, ad agire nel perfetto gioco del “cosa accadrà dopo qui e ora…”

E’ dunque ottimo mezzo per approfondire la gestualità portandola all’essenziale quasi alla fermezza statica, guidando la fisicità su tronco e bacino cercando in essi il baricentro dell’equilibrio.

Insegna che l’espressività globale dell’artista è utilizzare al meglio la propria energia ancor prima dell’utilizzo della parola: essa prepara l’attore alla giusta consapevolezza tra silenzio e parola.

Il lavoro con la maschera in effetti conduce anche agli altri diversi livelli di gioco teatrale che secondo la Scuola di Leqoc, si sviluppano dal “rejeu” alla maschera espressiva e di carattere fino alla maschera astratta, alle forme e alle strutture .

Queste costrizioni di stile portano l’attore a costruire in maniera diversa il reale. La parte tecnica, basata sull’analisi dei movimenti, segue le tematiche dell’improvvisazione. Alcuni esercizi preparano il corpo umano a essere più ricettivo ed espressivo (preparazione corporale e vocale, acrobazia drammatica, analisi delle azioni fisiche).

Grazie alla neutra, in un primo momento, si privilegia il mondo  esteriore  rispetto  a quello interiore, perché la ricerca di se stessi, dei propri  stati d’animo spesso può portare ad un eccessivo lavoro sull’ ‘Io” che se non gestito con cura può risultare di troppo. E’ un grande viaggio attraverso, gesto, movimento e parola che guida fino alla poesia del gioco teatrale puro e semplice.

Per dirla ancora con Leqoc, “occorre guardare come gli esseri viventi e le cose si muovono e come si riflettono in noi; occorre privilegiare l’orizzontale, la verticale, ciò che esiste in maniera intangibile, fuori da sé. La persona si rivelerà a se stessa in rapporto a questi punti d’appoggio nel mondo esterno.”.

Questo modo di lavorare si differenzia dal più conosciuto metodo stanislawskiano che cerca nei ricordi psicologici più remoti una sorgente creativa nella quale “il grido della vita si confonde  con  quello  dell’illusione”; preferisco  la distanza tra sé e il personaggio,  che permette  di renderlo  meglio.

Gli attori recitano male i testi che li coinvolgono troppo, perché usano una specie di voce bianca, e conservano  per loro una parte del testo, senza poterla  dare al pubblico.

La neutra aiuta alla piena consapevolezza dell’ascolto per il dono :

il dono del Teatro.

testo di riferimento : Il Corpo Poetico” di J. Leqoc

neutra_espressiva

foto di Umberto Leporini per “Piacere Neutro” drammaturgia di M. Cutugno

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...